Un cinema o forse più.

NOVEMBRE

16 17 18 19 20 21 22 23 24 25
Seguici su Instagram Seguici su Facebook

Mercoledì 4 Novembre 2009

MY WALL

MY WALL

Con
Regia: Paul Cotter, Gina Abatemarco , Sabine El Chamaa , Markus Dietrich , Supriyo Sen

Mar Mer Gio Ven Sab Dom Lun
21.00

MY WALL

Il Muro di Berlino e la sua caduta: un emblema, un simbolo e un evento storico da usare come occasione dell’ispirazione cinematografica. Il Muro come metafora  dei muri che sono stati costruiti o distrutti in tutto il mondo, dei muri virtuali nelle nostre menti o delle invisibili barriere tra popoli e nazioni. Da questa suggestione l'invito del Festival di Berlino a registi di tutto il mondo per creare il proprio "My Wall". Una serata per presentare i 5 corti vincitori:


DIE BERLINER MAUER  Scritto e diretto da Paul Cotter (GB), Germania 2009, 12 min
“Die Berliner Mauer” racconta la storia di Wener Schlomerkemper, un uomo di 75 anni che, un giorno, inizia a ricostruire il  Muro di Berlino.

MY SUPER SEA WALL  Diretto da Gina Abatemarco (USA), Germania 2009, 12 min
Sulla minuscola isola di Kivalina in Alaska, 130 miglia sopra il Circolo Artico, occuparsi dei mutamenti climatici significa più che apportare cambiamenti eco-compatibili allo stile di vita occidentale: è una questione di vita o di morte.

PROMENADE  Scritto e diretto da Sabine El Chamaa (Libano), Germania 2009, 11 min
“Promenade” racconta la storia di una donna anziana che girovaga nella sua casa devastata dalla guerra e colleziona pezzi dei suoi muri/pareti distrutti.

TELEPORTATION  Diretto da Markus Dietrich (Germania), Germania 2009, 12 min
“OH mio Dio! Abbiamo teletrasportato il Muro di Berlino!”. Frederike e Fabian, entrambi di 10 anni, pianificano un esperimento segreto: teletrasportare il loro amico Jonathan a Berlino Ovest.

WAGAH   Scritto e diretto da Supriyo Sen (India), Germania 2009, 12 min
Vincitore del Berlin Today Award (premio) 2009
Ogni sera, l’unico passaggio di confine fra India e Pakistan, lungo i 3323 km di frontiera diventa il sito di un evento straordinario: le guardie di confine su entrambi i lati orchestrano una parata militare per calare le bandiere.
INGRESSO LIBERO
VERSIONI ORIGINALI SOTTOTITOLATE IN INGLESE