Un cinema o forse più.

AGOSTO

15 16 17 18 19 20 21 22 23 24
Seguici su Twitter Seguici su Facebook

Mercoledì 1 Agosto

THE HAPPY PRINCE

di Rupert Everett

THE HAPPY PRINCE

Un film di
Rupert Everett

Con
Rupert Everett, Colin Firth, Colin Morgan, Edwin Thomas, Emily Watson, Tom Wilkinson

Genere
commedia

Durata
105'

Mer Gio Ven Sab Dom Lun Mar
21.00

THE HAPPY PRINCE

IL GIARDINO DELL'EDEN - Il cinema all'aperto in Castello


EVENTO SPECIALE - L’USIGNOLO E LA ROSA a cura di Teatro 19 + Proiezione di THE HAPPY PRINCE


Nella stanza di una modesta pensione di Parigi, Oscar Wilde (Rupert Everett) trascorre gli ultimi giorni della sua vita e come in un vivido sogno i ricordi del suo passato riaffiorano, trasportandolo in altre epoche e in altri luoghi. Non  era  lui  un  tempo  l’uomo  più  famoso  di  Londra?  L’artista idolatrato da quella società che l’ha poi crocifisso? Oggi  Wilde  ripensa  con  malinconia  alle  passioni  che  l’hanno  travolto  e  con tenerezza al suo incessante bisogno di amare incondizionatamente. Rivive la sua fatale relazione con Lord Alfred Douglas (Colin Morgan) e le sue fughe  attraverso  l’Europa,  ma anche  il grande  rimorso  nei  confronti  della moglie  Constance  (Emily  Watson)  per  aver gettato  lei  e  i  loro  figli  nello scandalo dopo l’estrema condanna per la sua omosessualità. Ad  accompagnarlo  in  questo  ultimo  viaggio  solo  l’amore  e  la  dedizione  di Robbie  Ross  (Edwin  Thomas),  che  gli  resta  accanto  fino  alla  fine  nel  vano tentativo  di  salvarlo  da  sè  stesso  e  l’  affetto  del  suo  più  caro  amico  Reggie Turner  (Colin  Firth).

«Il corpo, la voce, la postura e la morale dello scrittore irlandese sono costantemente al centro dell’attenzione, oscurando quasi completamente i processi creativi o lo studio del lavoro da lui concepito. Al regista non interessa ricostruire un percorso artistico, quanto restituire l’interpretazione ben precisa di una personalità. […] Everett vuole ingabbiare il suo Wilde con una regia asfissiante e claustrofobica, prediligendo spazi chiusi e angusti in cui inscenare il racconto e adottando tagli di ripresa molto stretti. Nel film si respira lo stesso clima torbido e pesante che Wilde patì nei suoi ultimi anni, tra i lavori forzati della prigionia e l’esilio a Parigi. Everett toglie l’aria al protagonista braccandolo psicologicamente, sottolineando le sue difficoltà economiche e insistendo sulla pressione dell’opinione pubblica, sempre più ossessionata dalla sua omosessualità […]» Simone Soranna (Cineforum.it).


EVENTO SPECIALE - L’USIGNOLO E LA ROSA a cura di Teatro 19


Ore 19,00
Presso la Stazione Metro di San Faustino, prima dell’evento in Castello, un pop-up della lettura a cura di Teatro 19.
Ore 20,00
al Giardino dell’Eden, lettura L’USIGNOLO E LA ROSA a cura di Teatro 19
Una delle favole della buonanotte che Oscar Wilde scrisse per il figlioletto. Protagonista un fragile usignolo che sostiene con forza l’ideale dell’Amore a tal punto da sacrificarsi per esso, ma gli ideali spesso non trovano riscontro nella realtà. Le parole di Wilde ci accompagnano in un racconto raffinato e commovente in cui il sacrificio si trasforma in poesia. Valentina Pescara: voce narrante; Isaia Mori: chitarra
Ore 21,00

proiezione di The Happy Prince

Evento realizzato grazie a Moving Culture, un progetto promosso da Fondazione Micheletti con il contributo di Fondazione Cariplo.
La partecipazione all’evento è gratuita, la proiezione è a pagamento (Biglietti: intero 6 euro, ridotto 4 euro).

Sarà a disposizione un servizio gratuito di navette che effettuerà il trasporto con partenza ai piedi della salita del Castello (lato via San Faustino), nei seguenti orari: Andata: ore 19,30 e ore 19,45. Ritorno: dalle ore 23,15 con ultima discesa alle ore 24.

In caso di pioggia le proiezioni si svolgeranno presso il Nuovo Eden e sarà segnalato sul sito www.nuovoeden.it e sulla pagina Facebook (cinemaNuovoEden) entro le ore 17. Gli eventi in metropolitana si terranno anche in caso di pioggia.
Tutte le proiezioni avvengono in cuffia. Le cuffie sono ritirabili presentando un documento d’identità.