Un cinema o forse più.

GENNAIO

22 23 24 25 26 27 28 29 30 31
Seguici su Instagram Seguici su Facebook

da Venerdì 18 Gennaio a Mercoledì 23 Gennaio

OVUNQUE PROTEGGIMI

di Bonifacio Angius

Acquista Biglietto
OVUNQUE PROTEGGIMI

Un film di
Bonifacio Angius

Con
Alessandro Gazale, Francesca Niedda, Antonio Angius, Gavino Ruda, Teresa Soro

Genere
Drammatico

Durata
94'

Gio Ven Sab Dom Lun Mar Mer
19.00 - 21.00 18.00 21.00 (incontro con regista) 19.00 n.p. 17.00

OVUNQUE PROTEGGIMI

Alessandro indossa la sua camicia porta fortuna, luccicante, una bomba. Non li sente i suoi cinquant’anni. Dopo aver cantato per un pubblico poco riconoscente, come tutti i sabato notte, fa mattina al Blu Star Disco. E quando all'alba si vede rifiutare da sua madre i soldi necessari per fare il gradasso con delle ragazzine, Alessandro perde la testa. Dopo una vita sprecata davanti ad una slot-machine a pontificare sbronzo dalla mattina presto e sperare nella fortuna di un gratta e vinci, non avrebbe mai immaginato che l'amore potesse tornare a fargli visita. In una corsia d'ospedale. È qui, che il nostro Alessandro incontra Francesca. Grandi occhi verdi, malinconici e luminosi, i modi spontanei di una bambina. I biglietti della nave in tasca, per lei e per Antonio, cinque anni appena, e una faccina da pubblicità del cioccolato al latte. Ad agosto la Sardegna è un'esplosione di luce bianca, di cemento rovente, di campagne dorate, di mare che luccica in lontananza. Alessandro e Francesca sono finalmente fuori dall'ospedale, in viaggio verso un'ultima occasione.

Evento speciale: Domenica sera alle 21 sarà presente in sala il regista Bonifacio Angius per una chiacchierata con il pubblico condotta da Matteo Asti, docente di Storia del Cinema all’Accademia Santa Giulia e all'Università Cattolica di Brescia.

"Ovunque proteggimi è una storia di due figliocci di Sal Paradiso, di Bonnie e Clyde o di Thelma e Louise, dal cuore grande quanto la generosità con cui sfidano regole e convenzioni per le persone che amano. Non hanno paura di partire senza aver certezza di dove finiranno, perché è giusto così. L’estate sarda rovente li accompagna in questo road movie classico, per recuperare furiosamente il tempo perso e mettersi a correre verso un’ultima occasione. Angius asseconda queste anime perse dalle poche parole, standogli addosso e volendogli bene, apprezzandoli ancora di più per i loro difetti, indossati sempre con una grande dignità. Hanno paura, non riconoscono il mondo intorno a loro, si sentono in gabbia e riconoscersi li porta a trovare la forza per innescare la miccia, l’amore e la forza di non essere più da soli. Ovunque proteggimi vale come una carezza mai data, il rimpianto di non avere avuto il coraggio di mostrare a chi abbiamo vicino che non è solo. Caldo come la luce implacabile estiva, è la conferma di un talento nel delineare personaggi pieni e credibili, mai stereotipati, capace di travalicare i generi con uno stile personale immediatamente riconoscibile". (Mauro Donzelli, Comingsoon.it)