Un cinema o forse più.

NOVEMBRE

14 15 16 17 18 19 20 21 22 23
Seguici su Instagram Seguici su Facebook

Mercoledì 7 Gennaio 2015

SONG OF SILENCE

di Chen Zhuo

Acquista Biglietto
SONG OF SILENCE

Un film di
Chen Zhuo

Con
Li Qiang, Wu Bingbin, Yin Yaning

Genere
drammatico

Durata
114

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
21.00

SONG OF SILENCE

PRIMA VISIONE

 

Jing è un'adolescente sordomuta che vive in un villaggio di pescatori con il nonno e lo zio, perché non vuole abitare in casa di sua madre, cui è stata affidata dopo il divorzio dal padre. La ragazza trascura gli studi e cerca costantemente rifugio dal giovane zio, l'unica persona che la fa sentire amata, ma quando il loro rapporto finisce per oltrepassare i limiti della moralità, Jing è costretta a trasferirsi in città dal padre, dove si troverà a condividere la nuova casa con Mei, l'amante del genitore. Sulle prime, il rapporto tra due donne così diverse sarà contraddistinto da ostilità e diffidenza ma, con il passare del tempo, entrambe impareranno a comprendersi e a essere solidali l'una con l'altra. Tratto da una storia vera.

 


 "Censurato in Cina, 'Song of Silence' è un film capace di parlare al pubblico oltre i confini del suo Paese. L'esordiente Chen Zhuo osserva il mondo con occhi diversi dagli altri registi della scuola di Pechino nel raccontare le storie incrociate di Jing, giovanissima sordomuta infantile e aggressiva della provincia di Hunan, e di Mei, ragazza dalle molte esperienze con aspirazioni da rockstar, che aspetta un bambino dal padre dell'altra. (...) Pur contenendo temi delicati per eccellenza (incesto, aborto...), il film è personale, poetico, arricchito di simbolismi non invasivi, come è del vero cinema d'autore (vedi il gioco con le costruzioni di legno, metafora della fragilità della famigliastra appena costituita ). La cosa più suggestiva è l'attenzione per l'elemento sonoro. Tutto il film è traversato da musica e canzoni, a sottolineare l'isolamento (che percepisci anche dall'inquadratura) cui Jing condannata dal suo handicap."

Roberto Nepoti, 'La Repubblica'