Un cinema o forse più.

NOVEMBRE

19 20 21 22 23 24 25 26 27 28
Seguici su Instagram Seguici su Facebook

Mercoledì 1 Aprile 2015

L'ALTRA HEIMAT . CRONACA DI UN SOGNO

di Edgar Reitz

Acquista Biglietto
L'ALTRA HEIMAT . CRONACA DI UN SOGNO

Un film di
Edgar Reitz

Con
Jan Dieter Schneider, Antonia Bill, Maximilian Scheidt

Genere
drammatico

Durata
230'

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
20.00

L'ALTRA HEIMAT . CRONACA DI UN SOGNO

EVENTO SPECIALE


L’altra Heimat-Cronaca di un sogno (1842-44) è l’antefatto della trilogia Heimat, un lavoro che ha visto il regista tedesco impegnato per circa trent’anni, raggiungendo la durata complessiva di circa 59 ore. Heimat (“patria” in tedesco), è un progetto che si poneva come obiettivo quello di ricostruire la storia del Novecento tedesco.
Con L’altra Heimat. Cronaca di un sogno la monumentale saga di Reitz, che in Italia si rivelò un vero e proprio fenomeno di culto riscuotendo un successo enorme e scatenando appassionati dibattiti sul tema della serialità, giunge al suo quarto capitolo, concepito appositamente per il cinema. Il discorso provvisoriamente concluso nel 2006 riprende, tornando indietro nel tempo al 1843, sempre nell’immaginaria Schabbach, dove la famiglia Simon lavora e lotta contro la morte e dove il figlio Jakob fugge dalla fatica quotidiana immergendosi nei libri e nel sogno di un Nuovo Mondo. Lo stesso sogno che accompagna la grande emigrazione di migliaia di europei nell’America del Sud, nel tentativo disperato di sottrarsi alle carestie, alla povertà e al dispotismo che dominavano i loro paesi perché, come recita il loro motto, “Qualunque sorte è migliore della morte”.
Dopo il grande successo raccolto alla Mostra del Cinema di Venezia e al Toronto Film Festival arriva nelle sale italiane l’ultimo geniale lavoro del regista tedesco che con la saga di Heimat ha dato vita a un fenomeno di culto scatenando uno dei dibattiti cinematografici più appassionati e profondi di tutto il Novecento.


"Oggi in Germania abbiamo molta difficoltà ad immaginare cosa significhi davvero “emigrazione”, perché conosciamo solo l’altro lato del problema: siamo diventati noi stessi un paese di immigrazione (…). È possibile che una storia che descrive il modo in cui la gente lasciava la propria patria non contribuisca a capire meglio gli immigranti di oggi? Che cosa significava un addio allora? Per quanto tempo le persone si portavano addosso, nelle loro nuove case, il dolore di questa partenza?" Edgar Reitz

 

Film in lingua originale sottotitolato.

 

Biglietti: intero 10,00 euro, ridotto 8,00 euro.