Un cinema o forse più.

NOVEMBRE

17 18 19 20 21 22 23 24 25 26
Seguici su Instagram Seguici su Facebook

da Venerdì 29 Gennaio a Lunedì 1 Febbraio 2016

IL FIGLIO DI SAUL

di László Nemes

IL FIGLIO DI SAUL

Un film di
László Nemes

Con
Géza Röhrig, Levente Molnar, Urs Rechn

Genere
durata

Durata
107'

Gio Ven Sab Dom Lun Mar Mer
17.00 - 20.30 - 22.30 21.00 18.00 - 21.00 21.00

IL FIGLIO DI SAUL

Ottobre 1944. Saul Ausländer è un ebreo ungherese deportato ad Auschwitz-Birkenau. Reclutato come sonderkommando, Saul è costretto ad assistere allo sterminio della sua gente che 'accompagna' nell'ultimo viaggio. Isolati dal resto del campo i sonderkommando sono assoldati per rimuovere i corpi dalle camere a gas e poi cremarli. Testimoni dell'orrore e decisi a sopravvivervi, il gruppo si prepara alla rivolta prima che una nuova lista di sonderkommando venga stilata condannandoli a morte. Perduto ai suoi pensieri e ai compagni che lo circondano, Saul riconosce nel corpo senza vita di un ragazzino suo figlio. La sua missione adesso è quella di dare una degna sepoltura al suo ragazzo. Alla ricerca della pace e di un rabbino che reciti il Kaddish, Saul farà la sua rivoluzione.

 

Vincitore del Grande Premio della Giuria a Cannes 2015, Vincitore del Golden Globe come Miglior Film Straniero e Candidato agli Oscar come Miglior Film Straniero.

 

Un film che crea affanno, fa battere il cuore, vorremmo rivedere e non dimenticheremo mai […] Quando il film è uscito a Budapest e a Parigi, sono ricominciate le discussioni su chi ritiene impossibile e degradante trasformare l'Olocausto in una fiction spettacolare, e chi come il novantenne Claude Lanzmann, autore nell'85 di Shoah, l'agghiacciante documentario di racconti dei sopravvissuti, che criticò molto La lista di Schindler di Spielberg, e invece loda il film di Nemes proprio per la sua intensità e il rispetto della verità che lo rende diverso da tutti gli altri film sull'Olocausto. La storia gliela ha ispirata una raccolta clandestina di scritti dei membri del Sonderkommando nascosti sottoterra, pubblicata in Italia da Marsilio col titolo La voce dei sommersi. (N. Aspesi – La Repubblica)