Un cinema o forse piĆ¹.

DICEMBRE

2 3 4 5 6 7 8 9 10 11
Seguici su Instagram Seguici su Facebook

LA VITA NASCOSTA - HIDDEN LIFE

di Terrence Malick

LA VITA NASCOSTA - HIDDEN LIFE

Un film di
Terrence Malick

Con
August Diehl, Valerie Pachner, Matthias Schoenaerts, Michael Nyqvist, Bruno Ganz

Genere
Biografico, Drammatico, Storico

Durata
173'

LA VITA NASCOSTA - HIDDEN LIFE

Radegund, in Austria, è un'oasi di pace dove Franz e Fani si sono incontrati e innamorati. La loro vita scorre lieta scandita dalle stagioni e dalle campane della chiesa, dal lavoro nei campi e la ricreazione sui prati. Ma la guerra allunga la sua ombra e rovescia il loro destino. Franz è chiamato alle armi e a giurare fedeltà al Führer. Incapace di concepire la violenza obietta, procedendo in direzione ostinata e contraria. Arrestato per tradimento, viene processato e condannato a morte nell'agosto del 1943.

A Hidden Life rimette l'autore in asse, nel suo asse di predilezione: il dramma storico dentro il contesto rurale e la celebrazione della natura. Malick ritorna in maestà e con la serena evidenza del suo talento, torna soprattutto ai fondamentali, riconciliando i fan della prima ora con quelli incondizionati che l'hanno seguito fino all'estremo del suo neocinema elegiaco e panteista. A Hidden Life, storia (vera) di un contadino austriaco accusato di tradimento dal regime hitleriano, annuncia un cambiamento di forma. Un cambiamento che toglie il fiato e ritrova il romanticismo dell'autore, quella sua visione di una natura viva che esprime i sentimenti dei personaggi e i loro legami col mondo. Resistente e abbarbicato alla terra come il suo villaggio, Franz Jägerstätter è un eroe tenace che non beve birre con chi si lancia in tirate invasate e resiste sotto il peso della guerra come le montagne sotto quello delle nuvole, nere come il corvo e le divise delle SS. Franz vive la subordinazione dell'Austria alla Germania nazista come un dramma personale, narrato in voce off, una meditazione che prosegue da un coniuge all'altro, convergendo in un solo monologo melanconico. (Marzia Gandolfi, MyMovies.it)