Un cinema o forse più.

DICEMBRE

5 6 7 8 9 10 11 12 13 14
Seguici su Instagram Seguici su Facebook

da Lunedì 4 Ottobre a Martedì 5 Ottobre

A BOUT DE SOUFFLE - FINO ALL'ULTIMO RESPIRO

di Jean-Luc Godard

Acquista Biglietto
A BOUT DE SOUFFLE - FINO ALL'ULTIMO RESPIRO

Un film di
Jean-Luc Godard

Con
Jean-Paul Belmondo, Jean Seberg, Daniel Boulanger, Jean-Pierre Melville, Henri-Jacques Huet

Genere
Drammatico

Durata
89'

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
17.00 - 19.00 21.00

A BOUT DE SOUFFLE - FINO ALL'ULTIMO RESPIRO

In versione restaurata l'opera prima di Jean-Luc Godard, considerata uno dei suoi capolavori e manifesto della Nouvelle Vague. Michel, giovane dal passato burrascoso, ruba un'automobile e fugge col proposito di recarsi in Italia. Inseguito da due agenti, ne uccide uno e, continuando la sua fuga, giunge a Parigi. Dopo essersi rivolto ad alcuni amici per ottenere del denaro, va in cerca di Patrizia, giovane americana, per la quale sente un sincero affetto. La ragazza però non ricambia il suo sentimento e continua a farsi corteggiare da un collega al giornale dove lavora. La polizia intanto fa delle indagini per scoprire l'assassino dell'agente e avendo accertato che si tratta di Michel, si dà da fare per catturarlo. Nel corso delle ricerche viene interrogata anche Patrizia, la quale afferma di non saper nulla, e riesce poi a nascondersi con Michel in casa di amici. Il giorno seguente, però, essendosi resa conto che non ama il giovane, la ragazza deciderà se denunciarlo alla polizia.

 

Parigi 1959, il centro del mondo. Godard dirige, Truffaut scrive. Belmondo/Poiccard, piccolo omicida, corre a perdifiato per sfuggire alla polizia e a cinquant’anni di cinema di papà; Jean Seberg vende l’“Herald Tribune” sugli Champs Elysées, s’innamora, lo tradisce: ‘déguelasse’. Poco budget, molto amore per il B-movie americano, sguardi in macchina, jump-cuts, l’euforizzante sensazione che tutto sta per ricominciare. Irripetibile, e forever young. “Fino all’ultimo respiro appartiene, per sua natura, al genere di film in cui tutto è permesso, era nella sua natura. Qualsiasi cosa faccia la gente, tutto poteva essere inserito nel film. È proprio questa l’idea da cui ero partito. Pensavo: c’è già stato Bresson, è appena uscito Hiroshima, un certo tipo di cinema si è appena concluso, forse è finito, allora mettiamo il punto finale, facciamo vedere che tutto è permesso. Quello che volevo era partire da una storia convenzionale e rifare, ma diversamente, tutto il cinema che era già stato fatto”. (Jean-Luc Godard)