Un cinema o forse più.

DICEMBRE

5 6 7 8 9 10 11 12 13 14
Seguici su Instagram Seguici su Facebook

da Domenica 21 Novembre a Martedì 23 Novembre

DAYS

di Tsai Ming-liang

DAYS

Un film di
Tsai Ming-liang

Con
Anong Houngheuangsy, Lee Kang-Sheng

Genere
Drammatico

Durata
127'

Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab
21.00 non programmato 21.00

DAYS

Kang ha una grande dimora isolata con un laghetto di pesci rossi nel cortile; Non (Anong Houngheuangsy) che vive in un piccolo e angusto appartamento in centro a Bangkok. Due uomini diversi, appartenenti a classi sociali opposte. Entrambi, però, hanno una cosa in comune, perché sono tutti due soli ogni singolo giorno. Kang trascorre le sue giornate di fronte una facciata di vetro della sua casa, che dà sugli alberi tempestati dal vento e dalla pioggia. Non passa il tempo tra faccende domestiche e pregando presso l'altare. Quando inizia a sentire un dolore lancinante, che non riesce a sopportare, Kang - scoprendo che si tratta di cervicale - decide di ricorrere a delle sedute di agopuntura. L'uomo si rivolge a Non e si incontrano in una stanza d'albergo. Sin da subito tra loro si instaura un forte legame, tanto che a fine massaggio i due finiscono a cena insieme in un fast food nei pressi dell'albergo, condividendo la loro solitudine.

Nei film ricchi di dialoghi i rumori sono solo suoni di fondo, in Days sono elementi di base insostituibili. Days è un tipico film di Tsai: pochi tagli, la telecamera fissa. Tuttavia, qui manca un elemento che caratterizza alcuni dei suoi film, come il precedente Stray Dogs (2013): scenari post-apocalittici e l’elemento dell’assurdo. Days non ha nulla di tutto ciò. Il silenzio nella vita quotidiana dei due uomini, caratterizzata da dolore e solitudine, è il tema. E nonostante la carenza di narrazione, il film è caratterizzato da una potente intimità. Un capolavoro del grande Tsai Ming-liang: sicuramente degno di un Orso. (si è poi infatti meritato il Premio Teddy della giuria alla 70a Berlinale, ndr). (Simone Porrovecchio, Cinematografo.it)